Se c’è una cosa di cui non si può fare a meno, e di cui ne vorremmo anzi in abbondanza, sono proprio gli armadi. Se poi, riusciamo a ricavare in casa degli spazi ad hoc, dove costruirli su misura e magari a muro, possiamo davvero ritenerci soddisfatti.

Soluzioni versatili e comode

Ambienti piccoli e soffitti bassi sono i due grandi inconvenienti che caratterizzano le nuove architetture moderne in tema di edilizia, rendendo sempre più difficile la collocazione degli armadi guardaroba, soprattutto se poi desideriamo costruirne uno fai da te.

Di fatto, l’armadio a muro fai da te, ove sia possibile realizzarlo, rappresenta una soluzione esteticamente valida, concettualmente moderna, ma soprattutto non invasiva, che oggi batte sul campo il classico armadio guardaroba, anche quello dai design più avanzato.

L’armadio a muro fai da te è, infatti, la tipologia di guardaroba che attualmente più aggrada le famiglie italiane e che più viene realizzato nelle loro case, sempre tenendo conto degli spazi di cui si dispone.

A seconda degli spazi di cui si dispone, si potranno realizzare diverse forme di armadio a muro fai da te. Vediamo insieme quali sono, i materiali che occorrono per costruirli e le difficoltà che si possono incontrare.

Nicchia nel muro

Se disponiamo di una nicchia nel muro, questa, si presta benissimo ad essere luogo dove costruire il nostro armadio a muro fai da te.

Il procedimento in questo caso sarà agevolato dall’esistenza delle pareti della nicchia che, automaticamente, diventeranno i supporti laterali dell’armadio.

In caso di nicchia pre-esistente, la prima scelta da fare è quella di decidere se foderare internamente l’armadio con il legno o lasciarlo “nudo” e, conseguentemente, provvedere solo alle porte esterne e all’organizzazione degli spazi interni.

Nel caso si volesse procedere con il foderare la nicchia all’interno, bisognerà procedere con prendere le misure delle pareti e realizzare i pannelli di legno, ricordando che il fondo dovrà avere spessore leggermente maggiore, nel caso si volesse utilizzare per poggiarvi oggetti di un certo peso.

Si procede, poi, con la realizzazione delle porte, che possono essere scorrevoli o a chiusura a battente. Nel primo caso le guide delle ante scorrevoli, andranno posizionate nella parte alta e possibilmente inserite all’interno della nicchia; nel secondo caso, le ante andranno fissate con apposite cerniere alle spallette laterali della struttura interna dell’armadio.

L’armadio dovrà poi essere completato nella parte esterna dalla cornice che ne rifinirà il contorno e nella parte interna da pianali o bastoni per appendere le stampelle.

In cartongesso

La creazione degli armadi a muro in cartongesso è la tecnica più in voga negli ultimi anni, poiché permette di creare la struttura necessaria, anche in assenza di nicchie e in spazi open air. Può essere costruito al centro di una stanza, in un angolo o lungo una parete a proprio piacimento, purché rispetti un progetto che sia in buon equilibrio con l’ambiente. La tecnica del cartongesso richiede una buona manualità e una buona precisione. Serviranno dei pannelli in cartongesso, precedentemente fatti tagliare su misura, le guide metalliche dove verranno ancorati, viti, cacciaviti e trapano.

Una volta montato lo scheletro, l’armadio andrà stuccato, rasato e successivamente lo si potrà dipingere del colore che più ci piace.

Per le chiusure, si potrà scegliere tra quelle scorrevoli o le porte classiche con chiusura a clip o a chiave. Molto belle anche le ante a specchio.