L’infanzia è il periodo dei giochi e della fantasia. I bambini amano vivere nuove avventure ogni giorno, dal mattino alla sera. Per questo motivo andare a letto spesso può essere visto come la fine dei giochi, la parte più triste della giornata.

E se fosse possibile trasformare musi lunghi e mugugni di protesta in sguardi carichi di meraviglia? Forse l’elemento che manca nella loro cameretta è proprio un letto a castello. Un’idea tanto semplice quanto affascinante: arrampicarsi su una scala per andare a dormire. Niente di più strabiliante agli occhi di un bimbo.

Una soluzione appagante dal punto di vista estetico ma anche un alleato strategico e funzionale. Spesso si è costretti a fare i conti con metrature limitanti: ecco allora che sulla superficie di un solo lettino se ne possono sviluppare due, o addirittura tre, in altezza. Il risultato è una cameretta organizzata e priva di eccessivi ingombri. Un vero toccasana per chi deve riordinare.

Ma quali sono le ultime tendenze nell’ambito dei letti a castello per bambini? Diamo un’occhiata.

I letti a castello a scomparsa e l’ottimizzazione dello spazio

Di recente una delle versioni più diffuse e apprezzate di letto a castello è quella a scomparsa. Il nome stesso suggerisce una struttura che nasconde la propria potenzialità per sfoggiarla nel momento del bisogno.

Funzionalità e design si incontrano in maniera fruttuosa: un sistema ben congegnato e trasformabile di letti a scomparsa con apertura abbattibile.

Si trovano in due versioni, differenziate dalla modalità di uscita del letto. Nella prima l’apertura è parallela alla struttura mentre nella seconda ortogonale.

Quando i materassi non sono a vista lo spazio può essere sfruttato a proprio piacimento. Esistono strutture dotate di scrivanie a scomparsa utili e versatili. I piani inferiori possono trasformarsi in comodi divani con la semplice disposizione di qualche cuscino. Inoltre la struttura può integrare anche mensole e armadi, così da avere a disposizione uno spazio polifunzionale e dal design molto appagante.

Bimbi e amichetti si ritroveranno una cameretta sensazionale, molto più spaziosa e meno carica di ingombri.

I letti a castello sospesi e la raffinatezza del riposo

Di recente nascita sono i letti a castello sospesi. Questa soluzione presenta un design molto raffinato: un regalo perfetto per chiunque voglia donare al proprio bimbo la sensazione di riposare all’interno di un nido sospeso.

La struttura può essere incassata nella parete oppure sporgente da essa, andando a sostenere il peso del letto. L’accesso è garantito dalla classica scaletta esterna. Dal punto di vista estetico, si raggiungono livelli sopraffini. L’ottimizzazione dello spazio è eccezionale, con la cameretta totalmente sfruttabile per il puro divertimento.

Scala frontale o a cassettoni?

Altro aspetto importante è legato alla scelta della scala. Quella frontale a pioli è quella più canonica e viene ancora impiegata in molti modelli.

Le ultime tendenze parlano di una diffusione sempre più ampia delle scale a gradoni disposte a L, permettendo l’accesso dalla parte posteriore del letto.

Questo è sicuramente un esempio di intelligente gestione degli spazi. I gradoni sono cavi all’interno e lasciano la possibilità di inserire dei cassettoni o dei contenitori. Un’organizzazione di questo genere permette di avere spazi extra per poter mantenere in ordine la casa.

Come abbiamo visto i letti a castello non passeranno mai di moda. Apprezzati da grandi e piccini, riassumono alla perfezione due concetti cardine dell’arredamento moderno: funzionalità e design.

Valentina Carrai
Giornalista pubblicista, ho deciso di accettare la proposta di diventare vice-direttore di coseecase.it . Innamorata pazza della creatività e delle piante. Amo il giardinaggio, perchè mi rilassa. Adoro fare sport all'aria aperta, per poi concedervi una buona serie TV.