Con l’arrivo della bella stagione nasce l’esigenza di allestire gli spazi esterni della propria abitazione con tende per ripararsi dal sole o altre strutture come pergolati, gazebo o tettoie.

Ecco tutto quello che c’è da sapere prima di installare queste strutture negli spazi esterni della propria abitazione.

Autorizzazioni

Ovviamente, a seconda del tipo di struttura che si vuole installare, occorre richiedere le relative autorizzazioni al proprio condominio o al proprio Comune.

Infatti, se si risiede in un condominio, prima di procedere alla realizzazione di qualsiasi opera esterna al proprio appartamento, occorre avere una delibera di autorizzazione da parte dell’assemblea condominiale.

In alcuni casi, inoltre, può essere necessaria l’autorizzazione amministrativa da parte del proprio Comune; a riguardo in realtà non ci sono delle vere e proprie norme generali, ma occorre fare riferimento alle caratteristiche dell’opera in base alle quali viene richiesta o meno l’autorizzazione e ai regolamenti vigenti nel proprio Comune di residenza.

Installazioni amovibili e precarie

Nell’iter burocratico da seguire, bisogna anche tenere conto di caratteristiche come la precarietà e l’amovibilità dell’installazione.

L’opera è precaria se ha carattere temporaneo ed è rimovibile senza demolizioni: in questo caso non è soggetta ad autorizzazioni. Tali ad esempio sono le tende da sole o i gazebo e i pergolati.

La regola generale è che le opere di modeste dimensioni, facilmente rimovibili e che non costituiscono trasformazione edilizia possono essere installate senza autorizzazione, solo con una comunicazione di inizio lavori.

Le strutture fisse che occupano maggiore spazio rispetto a quello già occupato dall’edificio esistente sono, invece, soggette ad autorizzazione come la SCIA o il permesso di costruire.

Tende da sole

Le tende da sole sono composte da una struttura in metallo che può essere ancorata alla parete e/o al soffitto e che sorregge un telo di copertura dell’ambiente sottostante per la protezione dal sole e dagli agenti atmosferici.

In genere le tende sono considerate opere di arredo dello spazio esterno che non implicano una variazione dei volumi dell’immobile, per cui possono essere installate senza particolari autorizzazioni. Tuttavia, se si risiede in un condominio, può essere necessaria l’autorizzazione degli altri condomini in quanto il regolamento condominiale, ad esempio, può stabilire che per decoro dell’immobile si scelgano tende tutte di uguale colore o modello.

Tettoie

Le tettoie sono strutture poggiate su pilastri con una copertura rigida e aperte su due o più lati. Esse possono essere ancorate ai muri dell’edificio e possono essere in vetro, legno o metallo.

Le tettoie possono essere considerate delle strutture fisse che aumentano lo spazio all’esterno dell’immobile; perciò, nella maggior parte dei casi, necessitano del permesso a costruire; dal punto di vista urbanistico sono considerate delle pertinenze dell’abitazione principale.

Bisogna valutare con attenzione le strutture che meglio si adeguano alle esigenze della propria abitazione, tenendo conto degli spazi a disposizione e dell’esposizione solare. Ma, soprattutto, è importante affidarsi a professionisti del mestiere, che tengano conto di tutti i requisiti necessari per la sicurezza.

Antonio Baldani
Laureato nel 1985 in Legge, mi occupo di scrittura e comunicazione su carta stampata, tv, radio e web. Ho i capelli bianchi, ma sono giovane dentro :) Sono appassionato di bricolage, manutenzione della casa e investimenti immobiliari. Non potrei mai rinunciare agli amici, al mare, ai viaggi, alla pizza e al mio gatto.