La Vite Americana rappresenta senza ombra di dubbio una delle piante ad uso ornamentale più diffuse in tutto il mondo.

Una pianta che arreda: identikit della Vite Americana

Come suggerisce il nome stesso, è originaria delle zone centrali ed orientali degli Stati Uniti, ma può essere trovata anche nelle zone sud orientali del Canada e sulle coste est di Guatemala e Messico. Grazie alla sua splendida colorazione, questa pianta è nota anche come “edera rossa” e viene coltivata in maniera diffusa anche in Italia, dove la sua semplicità di propagazione in quanto pianta infestante riesce a determinarne il successo.

Si tratta di una rampicante i cui tralci presentano fino a otto braccia distinte. Le foglie pentalobate sono accompagnate da una fioritura nei mesi di giugno e luglio pressoché invisibile. È in autunno, però, che avviene la vera magia. Questa pianta, il cui termine scientifico è Parthenocissus Quinquefolia, viene prevalentemente coltivata in vista di quel che le accade durante il periodo autunnale, quando i suoi colori riescono a stupire con tonalità che vanno dall’arancione al rosso molto intenso.

Dove collocare la Vite Americana

Quando la Vite Americana copre il tronco di un albero oppure quello di un palo, essa può fungere da splendido elemento decorativo.

Bisogna prestare particolare attenzione, però, quando si sceglie di coltivarla, poiché quando la Vite Americana cresce adiacente ad un’abitazione mostra la tendenza ad aderire così strettamente al muro stesso da impedirne un’eventuale rimozione. Togliere la vite americana senza scrostare la superficie esterna dei muri risulterebbe pressoché impossibile: ecco dunque che si consiglia di far crescere la Vite Americana su dei supporti che possono rivelarsi in seguito facilmente gestibili.

Come prendersi cura della vite americana

In termini di aspetto, essa è del tutto simile alla vite canadese, una pianta con la quale la versione americana viene infatti spesso confusa, seppur presenti alcune caratteristiche distintive. Per coloro che sono interessati a coltivarla, va detto che si tratta davvero di una pianta facile da mantenere, nonché decisamente poco esigente. Essa può essere coltivata sia in terreno aperto, utilizzando terriccio fresco e molto ben drenato, sia all’interno di vasi ampi e dotati di una buona profondità.

Una delle accortezze principali da tenere a mente è quella di innaffiarla frequentemente d’estate. Inoltre, per coltivare questa pianta in vaso è necessario aggiungere del concime liquido all’acqua di irrigazione durante i mesi primaverili ed estivi, con una frequenza di almeno due volte al mese.

In autunno si deve poi procedere ad una potatura completa, in particolare per le piante di Vite Americana che vengono coltivate in vaso. Nonostante la vasta quantità di radici prodotte, vanno conservati esclusivamente i getti più robusti, al fine di preservare la salute della pianta.

Quest’edera dalle foglie rosse non richiede cure particolari, ma promette di regalare molte soddisfazioni a quanti vorranno prendersene cura, abbellendo balconi e giardini.

Simona Serni
Ho da poco conseguito la Laurea in Scienze della Comunicazione. Da sempre appassionata di home & diy con un occhio particolare al vintage. Il mio obiettivo in coseecase.it è dare utili strumenti a chi vuole arredare la casa in autonomia, personalizzandola secondo i propri gusti in tema di design.